PSR 2014 – 2020

Progetti FEASR approvati dalla Regione Emilia Romagna a valere sul REG. (UE) N. 1305/2013 - PSR 2014/2020​


Qualità del frumento tenero: strumenti per la valorizzazione e l’incremento.

Obiettivo generale del piano è mettere a punto strumenti tecnici e agronomici volti a valorizzare e a incrementare la qualità delle produzioni di frumento tenero soggette alla prima trasformazione (molitura). Per questo si propone un’azione (3.1) di messa a punto di analisi rapide (NIR) delle caratteristiche qualitative del prodotto (che determineranno quelle successive delle farine)  già a partire dalla fase di conferimento,  e un’azione (3.2) di confronto varietale on farm per orientare il produttore agricolo nella scelta di varietà produttive e gradite alla trasformazione.

Nello stoccaggio la  determinazione delle caratteristiche tecnologiche e qualitative della granella viene effettuata mediante numerose analisi di laboratorio che richiedono strumenti adeguati, lunghi tempi di esecuzione e personale qualificato. Da parte degli stoccatori è invece indispensabile disporre di strumenti idonei per realizzare la classificazione qualitativa in tempi rapidi anche da parte di personale non specializzato. Alcuni di tali parametri (umidità, proteine, ecc.) sono facilmente determinabili mediante strumentazione di tipo NIR (spettroscopia di riflettanza nel vicino infrarosso) che soddisfano il requisito di immediatezza decisionale  richiesto al momento del conferimento delle partite di grano operando sulla granella tal quale (non macinata).  Altri parametri  sono determinati con insufficiente o nulla precisione, per cui obiettivo principale di questo piano è la messa a punto  su strumentazione NIR di curve di taratura per i principali parametri qualitativi e tecnologici della granella di frumento tenero. Obiettivo finale è di accelerare e incrementare le operazioni di analisi del prodotto in entrata e avere una caratterizzazione e segregazione dello stesso più rispondente alle esigenze tecniche e commerciali dell’impresa.

L’obiettivo delle prove varietali è di mantenere aggiornato il panorama varietale a disposizione del produttore agricolo con la duplice finalità di ricercare, in combinazione con una adeguata agrotecnica ed in funzione delle caratteristiche pedoclimatiche del territorio,  un aumento delle rese produttive e una qualità maggiormente definita e stabile rispetto alle esigenze del mercato (prima e seconda trasformazione).
 
Per quanto riguarda l’azione 3.1 i risultati attesi nel primo anno di esecuzione del progetto sono una prima taratura con buon grado di affidabilità delle curve di calibrazione per i valori di  tenacità (P), estensibilità (L), forza (W), tempo di impasto, stabilità, caduta. Nel secondo anno, con un ulteriore set di analisi si otterrà la definitiva taratura delle stesse.
 
Per quanto riguarda l’elaborazione statistica, nel secondo anno si avrà una affidabile informazione sulla capacità predittiva ottenuta con metodiche standard e con l’impiego delle reti neurali artificiali.Per quanto riguarda l’azione 3.2 si disporrà di un database di dati morfologici, fitopatologici, produttivi e di caratterizzazione qualitativa delle varietà di frumento tenero poste in osservazioni. Tali dati saranno impiegati per la formulazione di schede descrittive delle varietà.

Partner di ‘Quote’, sono i Molini Industriali S.P.A. (Capofila), le aziende agricole coinvolte, CREA-ConsigIio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria ed il C.R.P.V. (Centro Ricerche Produzioni Vegetali) (Enti di Ricerca).

Il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) è un fondo strutturale dell’Unione europea, dedicato all’incentivazione delle attività agricole e delle aree rurali, attraverso agevolazioni specifiche. Il fondo ha una durata limitata nel tempo, e viene gestito secondo una programmazione settennale.

COSTO DEL PROGETTO E SOSTEGNO CONCESSO
Importo sostegno concesso: Euro 798.081,42